L’arpa che non ha corde

Molto prezioso per il praticante di I-AI

Di notte, nel silenzio della capanna,

suona l’arpa che non ha corde.

La sua melodia sale al cielo col vento:

la sua musica si unisce a quella del torrente,

risuona nell’intera vallata,

mormora nelle foreste e nelle montagne.

Se uno non chiude gli orecchi,

non può udire questa musica silenziosa.

Daigū Ryōkan (1758 – 1831)

Daigū Ryōkan fu un grande monaco poeta che si auto attribuì il soprannome di “Daigū” che vuol dire “Grande Pazzo”. Andava in giro per raccogliere elemosine nella sua ciotola e portava nelle maniche delle palle di stoffa per giocare con i bambini, e regolarmente dimenticava di fare la questua perdendosi nel gioco con i bambini … il grande pazzo!

È proprio quella sana follia che dovremmo ritrovare … quella che ci fa essere dimentichi nel gioco della vita e non prendere tutto così seriamente. (kenzenichinyo.blog).